Evento - Conferenza

BOLOGNA a pagamento, 14-15 Maggio 2021

CORSO MONOGRAFICO – SVILUPPO DELLA PERCEZIONE AMBIENTALE E TEST KINESIOLOGICO

Per tutti gli Architetti che parteciperanno al Corso sono riconosciuti n. 14 CFP dall’Ordine degli Architetti di Bologna.

Nel metodo di SpazioUmano fare architettura può essere considerato come la capacità di costruire esperienze sensoriali nello spazio.
Per poter gestire questo delicato processo di traduzione del progetto in “evento sensoriale” è fondamentale integrare quella componente di percezione fisica – corporea – che da sempre è stata un ingrediente caratterizzante di tutta la storia dell’architettura. Da Brunelleschi a Leon Battista Alberti, da Wright ad Aalto (solo per fare alcuni esempi), progettare non era solo “ideare” ma prima di tutto “sentire” con il corpo, anticipare l’esperienza del fruitore e percepirla ancora prima di averla disegnata e progettata.
A livello contemporaneo, il progetto viene spesso affrontato mettendo in campo competenze collegate alla nostra parte più razionale e tecnica, certamente fondamentali ma più efficaci se accompagnate dalla capacità del progettista di utilizzare la propria percezione corporea dello spazio come strumento di sviluppo e di verifica del lavoro.
Nell’ambito delle Neuroscienze applicate all’architettura, si parla di embodiment (una sorta di “spazio incarnato”), evidenziando come nella fruizione dello spazio il nostro cervello percepisce un continuum fra il corpo e il contesto circostante, e di come questo fenomeno influenzi le nostre sensazioni e i nostri pensieri. La componente di percezione corporea è quindi diventata un tema centrale e molto dibattuto in uno degli ambiti più all’avanguardia come quello delle neuroscienze.
Sappiamo anche – per esempio – di come un colore nell’ambiente abbia la capacità di modificare lo stato psico-fisico della persona, influenzando la sua esperienza in quello spazio.
Attraverso il test kinesiologico – un test muscolare utilizzato per comprendere come il corpo del soggetto risponde agli stimoli esterni – è possibile da una parte sviluppare un ascolto profondo delle reazioni del proprio corpo immerso nello spazio, così da saperle poi riconoscere e utilizzare all’interno della fase di progetto. Dall’altra parte è possibile realizzare delle indagini su come il cliente reagisce e risponde a determinate scelte progettuali, come ad esempio il clima cromatico o materico in un ambiente, oppure la posizione del letto nella stanza (solo per fare alcuni esempi di applicazione).
L’utilizzo del test kinesiologico all’interno del processo progettuale è uno strumento capace di settare le scelte architettoniche sulle specifiche necessità del cliente, andando così a costruire un sistema di relazioni che mette al centro del progetto la persona e i suoi bisogni.
In questo modo il processo progettuale si nutre di tutta una componente percettiva che rende il lavoro completo e consente di avere maggiore controllo sulle scelte architettoniche, finalizzandole a un reale benessere ambientale.

Obiettivi del corso
– Imparare a percepire gli ambienti con maggiore sensibilità e neutralità attraverso alcune tecniche di centratura ed ascolto del corpo
– Imparare ad utilizzare il test kinesiologico (test muscolare) per orientare il processo progettuale sulle necessità profonde della persona, realizzando interventi mirati a sostenere il benessere psico-fisico del cliente

Programma del corso
– Sviluppo della percezione psico-fisica attraverso esercizi di centratura e di ascolto del corpo
– Tecniche di rilassamento secondo Jacobson
– Corpo e tensioni muscolari: i fattori che ci impediscono di percepire lo spazio in maniera chiara e corretta
– Test Kinesiologico con il braccio e con il corpo: teoria e pratica
– Test kinesiologico per il progettista e per il cliente: quale risorsa e quali possibilità
– Test delle zone che disarmonizzano il cliente
– Tecniche di pulizia energetica degli ambienti

A chi si rivolge il corso
Il corso è inserito all’interno del programma didattico del 1° anno della Scuola di Specializzazione in Feng Shui ed Architettura del Benessere ed è aperto anche a tutti coloro che vogliono sviluppare la percezione corporea e imparare il test kinesiologico per aumentare il valore del progetto. La direzione didattica si riserva di accettare la richiesta di iscrizione previo colloquio telefonico.

Docente: Barbara Sironi

Modalità didattica: frontale in aula a BOLOGNA, presso l’HOTEL RELAIS BELLARIA, Via Altura 11/bis, Bologna

Costo: 240 euro (+ tassazione)

Riconoscimento
– Per gli Architetti che parteciperanno al Corso sono riconosciuti n. 14 CFP dall’Ordine degli Architetti di Bologna.
– Il Corso (codice PVI-007/355/20) è riconosciuto come aggiornamento professionale per tutti gli operatori olistici iscritti a SIAF e consente di maturare 28 ECP.

Termine di iscrizione: 7 Maggio 2021

Per informazioni su costi e modalità di iscrizione: scrivi a formazione@spazioumano.com oppure chiama il 327 3731069

Relatore

Barbara Sironi

Sede

HOTEL RELAIS BELLARIA, Via Altura 11/bis, Bologna

Orario

venerdì: 10.30/18.30 sabato: 09.30/17.30

Iscrizione

Per maggiori informazioni scrivere a marzia.mazzi@spazioumano.com oppure chiamare il 348 3130905.

    Contattami




    * Contenuti obbligatori